ORANSSI PAZUZU LIVE @ Magnolia – Segrate 16-03-2014

La bella sorpresa è stata innazitutto vederli in italia questi cinque finlandesi, mai ci avevo anche solo sperato, mentre qualche anno fa mi ascoltavo Muukalainen Puhu oppure Kosmonument , che qualche pazzo li avrebbe portati prima o poi da noi. Ok Valonielu dà loro (finalmente) meritevole visibilità ma nulla toglie a Magnolia di rivelarsi ancora una volta l’ultimo baluardo nell’area milanese per noi amanti di musica che non fa esattemente “numeroni” dal punto di vista degli spettatori e gliene sono profondamente grato.

L’aperitivo lo serve Garaliya, maneggiatori di sampler che vede nel duo che compone l’ensamble anche Lin dei Morkobot. il sound terrificante che fuoriesce dalle loro postazioni a torto o a ragione mi ha fatto venire in mente i Greymachine, in ogni caso i ragazzi ci regalano attimi di frastuono ben congeniato sicuramente poco convenzionale.

Poca attesa e sul palco si materializzano gli Eremite, onesto trio ligure che dopo una travagliata esistenza trovano l’equilibrio grazie al bravo chitarrista Leandro Scotto (ex Synodyk). Il sound del gruppo é un post metal a-là Tephra e nella mezz’oretta che vede i ragazzi on stage proprio loro vengono penalizzati nella voce del batterista Fabio Cuomo, il deus ex machina del progetto, purtroppo praticamente non pervenuta e sovrastata dal resto della ciurma e la scarsa presenza scenica della bassista che però ad onor del vero è abilissima con lo strumento a tessere soluzioni portanti un’ essenza sludge fragorosa.

Il piatto forte che parte a razzo e non si ferma per un ora filata conferma e sicuramente migliora quello che su disco la creautura Oranssi porta anvanti da almeno un lustro: compatezza e un sound personale che spicca potente e oliato alla perfezione. La set list si nutre principalmente
dell’ultima fatica, quel Valonielu che a me ha impressionato meno dei suoi predecessori, probabilmente per una scarsa dinamicità del loro particolare sound, colpa forse di una produzione troppo “pulita”. Ebbene, quegli stessi pezzi assumono una forma inedita e più consistente in sede live, senza particolari eccessi i finladesi ci lanciano addosso le loro migliori espressioni e l’effetto annichilente è sempre presente, non c’è appiattimento di sorta in nessuno dei brani proposti. Tutto al posto giusto e in ottimo stato, che bello aver avuto davanti un gruppo di base black metal mai scontato o banale che alza l’asticella della personalità verso un’identità particolare e in realtà sui generis data anche dalla componente elettro psych. Miliardi di Oranssi Pazuzu e dei loro concerti!

image

Oranssi pazuzu
Oranssi pazuzu
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...